blockchainNel momento nel quale sto scrivendo questo articolo, il Bitcoin ha superato quota 14.000 dollari e, proprio per questo motivo, ormai sono entrati a far parte del nostro gergo quotidiano nuovi vocaboli che, fino a qualche tempo fa, nessuno aveva idea di cosa si stesse parlando. Oggi voglio soffermarmi sulla Blockchain. Spesso la Blockchain, erroneamente, viene accomunata solo al Bitcoin o alle digital currency in generale ma in realtà è molto di più. La Blockchain è nata per rivoluzionare il mondo per come lo conosciamo. Tra non moltissimo tempo, tutte le nostre transazioni, non solo di natura economica viaggeranno attraverso la Blockchain che non è altro che un protocollo di comunicazione in grado di far transitare al suo interno informazioni di ogni tipo, in modo crittografato. Transazioni finanziarie, dati personali ( alcuni servizi di cloud crittografato utilizzeranno la Blockchain per far transitare i dati personali dei loro clienti in conformità con il nuovo regolamento europeo sulla protezione dei dati personali ) e in linea generale tutti i dati che devono essere trasmessi da un punto A ad un punto B all’ interno della rete.

Prima di spiegare tecnicamente cos’ è la Blockchain ho il dovere di rendere la comprensione semplice da parte di tutti i nostri lettori. Alla base di questo protocollo ci sono 4 caratteristiche fondamentali:

  1. Decentralizzata: Non c’è e non ci sarà mai nessun ente che potrà controllarla in quanto sarà sempre accessibile a tutti i partecipanti.
  2. Fiducia: Questo è un concetto fondamentale, internet nacque come grandissimo mezzo di condivisione e la Blockchain ne è l’ evoluzione. Per condividere un’ informazione con qualcuno ne devi avere grande fiducia.
  3. Crittografata: Tutte le transazioni che viaggiano attraverso questo protocollo sono crittografate con chiave di sicurezza.
  4. Immutabile: Tutte le informazioni in essa contenute sono immutabili, immodificabili se non dopo aver ricevuto l’ approvazione dell’ intera rete e questo la mette al sicuro da corruzione.

Blockchain, cos’ è tecnicamente?

La Blockchain è un insieme di dati suddivisi in blocchi, questi dati vengono validati ad ogni blocco, le transazioni valide sono correlate da un marcatore temporale ( timestamp ) e ogni blocco include l’ hash del blocco precedente che funge da collante tra 2 blocchi. I blocchi collegati formano una catena e, ad ogni blocco aggiuntivo, questa catena diventa più lunga.

Per essere più chiari abbiamo bisogno di un esempio pratico:

  1. Mario deve vendere un’ automobile a Luca, nascendo così la necessità di uno scambio di informazioni.
  2. In primo luogo vengono create le informazioni necessarie alla buona riuscita della transazione e vengono create le chiavi crittografate di Mario e Luca per quella determinata transazione ( informazioni su modello dell’ auto, km totali, cilindrata ecc ).
  3. Questa transazione viene portata in rete per essere verificata da tutti i partecipanti alla Blockchain.
  4. Viene creato un nuovo blocco con tutte le informazioni relative all’ automobile ed alla disponibilità economica di Luca.
  5. Il nuovo blocco va ad aggiungersi alla catena di blocchi presenti nella Blockchain, è accessibile a tutti i partecipanti, è presente nell’ archivio di tutti i partecipanti, è immutabile ed immodificabile per quella specifica transazione.
  6. La transazione è archiviata e sarà presente per sempre nella Blockchain.

Considerazioni personali

Ogni epoca che l’ uomo ha vissuto è stata considerata dalla generazione precedente con occhio critico e, tutti quelli che non sono stati in grado di adeguarsi alla nuova epoca si sono estinti. Noi stiamo vivendo nell’ epoca della tecnologia che è in continua mutazione e dobbiamo stare al passo con i tempi, fino a soli 20 anni fa andavamo in giro con cellulari che erano cabine telefoniche, ora sono veri e propri “pc in tasca” e dobbiamo capire tutti che la Blockchain è l’ evoluzione per quanto riguarda il trasferimento dati. Tra non molto, tutto ciò che riguarderà il transito di dati verrà effettuato all’ interno della Blockchain e tutte quelle entità che non si adegueranno saranno destinate a fallire, con  buona pace di tutti.

Emilio Brocanelli